la partenza

non riesco a capire una cosa perche’ ogni anno decido di portare poche cose  lo stretto necessario e poi invece  la macchina trabocca di oggetti di ogni tipo giusto manca il trasportino del gatto lasciato ad una compiacente vicina….

sotto le nuvole

Passeggio scrutando il cielo sola non c’e ‘ una stella tutto e’ nascosto sotto le nuvole grige scure cariche di pioggia una luce improvvisa un lampo un tuono lontano poi grosse gocce inumidiscono i capelli prima lentamente poi con veemenza tanto che la forza dell’ acqua mi spinge verso il muro.. all’ entrata del cancello una figura ferma sotto la pioggia incessante un senso di disagio mi avvolge … cammino lentamente quasi impaurita la figura mi viene incontro ” ciao” sussurra la sua voce… per un attimo mi lascia confusa attonita non è possibile ciao rispondo con voce flebile sei qui sei tornato … le sue mani stringonono le mie ”si” in cielo spunta l’ arcobaleno

voglia di sole …

sta arrivando forse … il tiepido tepore che invoglia a varcar la soglia per uscir nel sole … il cielo è terso m’incammino … lungo la riva … piccole onde intorno ai miei passi lenti ed uguali … per assaporar l’aurora … lontano una barca forse abbandonata … uno stormo di gabbiani s’alza in volo … mi siedo guardo l’orizzonte seguendo il loro volo … sfoglio le pagine del libro …  ritrovando il segno … una storia d’altri tempi … eccomi protagonista al centro della scena … lui … alto con i capelli neri … due occhi verdi come il mare … io immersa nel suo sguardo … sogno …

nel mio giardino

l’alba sveglia la natura intorno … gocce di rugiada scintillano ai primi raggi …  timidi boccioli spuntano sui rami verdi ancora spogli …margherite e ciclamini rinascono … e si aprono festosi al nuovo giorno… in un angolo del mio giardino… in un cespuglio le rose … fan capolino bianche e maestose … mentre i tulipani aprono le corolle variopinte … sembra la tela di un pittore … la micia sonnecchia ancora sdraiata sul’erba … qualche farfalla si posa sui petali appena dischiusi … gli uccellini si rincorrono tra i rami degli alberi … le tortore emettono piccoli suoni … un corvetto… cammina sul viale e un gatto sveglio e attento si apposta … ma rimane deluso … lui … ha ripreso il suo volo … la micia si stira si alza e sorniona con passo felpato … annusa il suo latte lo beve e si risdraia  … sotto il melograno … mentre i raggi scaldano il prato

in volo nel sogno …

… forse il modo di vivere attuale si discosta dal mio … sogno ancora 

nonostante l’argento dei capelli …

in una notte stellata fra la luce che … tu…  emani il tuo profilo si

delinea …

sottolineando man mano… la linea deli occhi …grandi azzurri

velati dalle lunghe ciglia il disegno delle labbra sempre schiuse in

un sorriso

ti prendo per mano corriamo felici sulla sabbia con i capelli al vento

che ti coprono le spalle …

sfiori la sabbia … piccole onde cancellano i tuoi passi …